Dopo il terremoto del 1968 e le devastazioni, fu lentamente avviata la ricostruzione del paese. Tuttavia, invece di riedificare nelle vicinanze dell'antica Gibellina, essa fu ripresa una ventina di chilometri più a valle. La scelta del sito avrebbe potuto seguire la logica della vicinanza alla costruenda autostrada sino a Mazara del Vallo, se non fosse che il terreno di nuova edificabilità era dei fratelli Ignazio e Nino Salvo, boss della mafia[4].
Gibellina nuova sorse quindi sul territorio del comune di Salemi, in contrada Salinella, a seguito di una votazione del consiglio comunale.
Per la ricostruzione della cittadina l'ex sindaco della città Ludovico Corrao ebbe l'illuminata idea di "umanizzare" il territorio chiamando a Gibellina diversi artisti di fama mondiale come Pietro Consagra e Alberto Burri; quest'ultimo si rifiutò di inserire una sua opera nel nuovo contesto urbano che si stava costruendo e realizzò un "Grande Cretto" nella vecchia Gibellina, a memoria del sisma che la distrusse. All'appello del sindaco risposero, altresì, Mario Schifano, Andrea Cascella, Arnaldo Pomodoro, Mimmo Paladino, Franco Angeli, Leonardo Sciascia. La città divenne subito un immenso laboratorio di sperimentazione e pianificazione artistica, in cui artisti e opere di valore rinnovarono lo spazio urbano secondo una prospettiva innovativa.

http://umbertogillio.com/files/gimgs/64_dsc1467.jpg
http://umbertogillio.com/files/gimgs/64_dsc1461.jpg
http://umbertogillio.com/files/gimgs/64_dsc1474.jpg
http://umbertogillio.com/files/gimgs/64_dsc1464.jpg
http://umbertogillio.com/files/gimgs/64_dsc1463.jpg
http://umbertogillio.com/files/gimgs/64_dsc1460.jpg
http://umbertogillio.com/files/gimgs/64_dsc1455.jpg
http://umbertogillio.com/files/gimgs/64_dsc1454.jpg
http://umbertogillio.com/files/gimgs/64_dsc1452.jpg
http://umbertogillio.com/files/gimgs/64_dsc1457.jpg
http://umbertogillio.com/files/gimgs/64_dsc1446.jpg